Leggiamo e...

 Cuntantes


Autore : mauba
Mercoledì, 31 Marzo 2010 - 20:21

resistenza Cuntantes di Dolfo Nardini. - Cesena : tosca, 2008

 

 

Dopo un volume basato sul principio del piacere (primo motore della sfera biologica, origine di ogni mutamento e spinta propulsiva al perpetuarsi delle specie e al progresso delle società…) eccone un altro fondato sul principio opposto, quello di realtà.
La ricerca illimitata di piacere ci condurrebbe alla catastrofe, Eros, oltre che ingordo, è cieco (e anche un po’ stupido), è solo grazie al principio di realtà (cuntatès) che il mondo riesce a mantenere il suo equilibrio instabile.
Tutti, bene o male, ci dobbiamo accontentare.

 

 

La nostra vita è il risultato di un aggiustamento/ridimensionamento continuo alla sfera del possibile dei nostri desideri più sfrenati. Chi di noi, a 14-15 anni, avrebbe mai pensato di innamorarsi di un/a donna/uomo come la/il nostra/o attuale moglie/marito? Tutti speravamo in qualcosa di meglio: Marilyn Monroe, Brigitte Bardot, Sofia Loren, Audrey Hepburn… o qualcun’altra che comunque gli assomigliasse (molto)… Chi non ha mai messo gli occhi (solo quelli) sulla ragazza del primo banco?…
Lo stesso per le donne. Quante si sono fidanzate con un Richard Gere, con il sosia di Robert Redford, o con lo scavezzacollo dell’ultimo banco che (all’epoca) aveva quel bel ciuffo biondo sulla fronte?

Guai se le circostanze, l’esperienza, i consigli… in breve, la vita (= principio di realtà) non ci avessero reso saggi ed insegnato ad accontentarci, oggi, probabilmente, saremmo più infelici.
Chi, avrebbe mai pensato di fare il lavoro attuale? Pochi, credo. Pochissimi. Allora si aspirava a ben altro: lo scienziato, il calciatore, lo scrittore, l’esploratore, il cantante… Oggi quegli scienziati sono insegnanti, geometri, ragionieri…; i grandi chirurghi sono medici della mutua; i calciatori, se ancora ce la fanno, giocano a calcetto con gli amici del bar; i cantati cantano nel coro della parrocchia o quando si fanno la barba; gli esploratori è già molto se passano le ferie in campeggio a Pinarella e gli scrittori, son lì a buttare giù una presentazione, così come viene, per far piacere ad un amico che, lui sì, è riuscito a pubblicare qualche cosa…
Accontentarci è quello che dovremmo fare tutti, non solo singolarmente, anche come specie.

Accontentarci del molto che abbiamo (parlo di noi occidentali), magari anche di qualcosa di meno e trasformare il mondo in un paradiso (per tutti).
Non mettere un freno all’ingordigia che ci contraddistingue non può che portarci all’autodistruzione.
Accontentarsi quindi, cuntantès, è un dovere.

Che non significa rinnegare il piacere, anzi, ma è il modo migliore per prolungarlo. Ce lo ha insegnato Epicuro (che non è mai stato il “porco” che si è voluto dipingere), rendendo esplicito un modo di guardare al mondo molto più antico (già i canti degli arpisti egiziani invitavano a godere del presente).
Una visione che è quella della cultura popolare e che resta la filosofia di Nardini, che, facendola propria è ben lungi dal chiederci di fare penitenza o di rinunciare a lottare: Intent ’cminzì, ma ci invita a trarre il massimo piacere da quello che già possediamo.

Accontentarsi di essere vivi, prima di tutto perché: A sam propi cumé da peiri freidi / ch’ al s’speca d’int e’ rem a e’ selt d’un grel… Di essere giovani e in salute o comunque, di esserlo stati: Alora sé / quand ch’a sami zuvan / a sami enca felici / e a n’e’ savemi. E alla fine, dato che morire ci tocca, farlo almeno con la bocca buona: ’Na spuma bionda / Qualquel ad dolz… Se poi, una bionda (vera), nel frattempo, si mostrasse disponibile, la vita potrebbe sembrare molto meno scomoda di quello che è in realtà.

Due parole sulla traduzione, che a me non sembrava per nulla necessaria ma a cui Nardini tiene. Non è una traduzione letterale. Abbiamo ripetuto il gioco già fatto in precedenza e preferito riscrivere le poesie in italiano, cercando di coglierne il significato generale e quando è stato possibile, la musicalità del verso.

Maurizio Balestra




  pdf Stampa Indice  
Box Contatti
• Web-Mail
Catalogo Tosca Edizioni

Menu sito
  ► home ::
  ► chi siamo ::
  ► novità ::
  ► autori ::
  ► agenda eventi ::
  ► leggiamo e commentiamo ::
  ► scarica audio ::
  ► scarica video ::
  ► scarica testi ::
  ► 2+1 nessuno, centomila
  ► gallerie immagini ::
  ► link ::
  ► contattaci ::
Radio Tosca ::

Tosca Edizioni pubblicazioni
Cerca nel sito
Info Sito
Utenti online: 2
Visite al sito: 35812
Visite odierne: 453
Record online: 143
(il 5/07/2021 - 18:51)
Traduzione Sito
Translate to English Translate to French Translate to German Translate into Dutch Translate to Swedish Translate to Japanese
Translate in Polish Translate to Danish Translate to Czech Translate to Portuguese Translate to Spanish Translate to Turkish
Up New-CMS 2.1 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Up