Leggiamo e...

 Immanuel Kant - La fine di tutte le cose


Autore : mauba
Venerdì, 16 Settembre 2016 - 14:13
d48a4796-bcf9-48d6-86b0-512b3758efda_xl"Ma perché gli uomini si aspettano in generale una fine del mondo? E perché proprio una fine accompagnata, per la gran parte del genere umano, dal terrore? L'origine della prima convinzione sembra risiedere nel fatto che la ragione dice loro che la durata del mondo ha valore solo nella misura in cui gli esseri razionali sono all'altezza, in essa, dello scopo finale della loro esistenza, ma se questo scopo finale non dovesse essere raggiunto, la creazione stessa diverrebbe per loro senza scopo: come un dramma teatrale senza epilogo e che non lascia intravedere la traccia di alcun disegno razionale. La seconda si basa sull'opinione che il genere umano sia costitutivamente corrotto, tanto da non lasciare alcuno spazio alla speranza. Allora, l'unico criterio adeguato alla saggezza e giustizia supreme (secondo la gran parte degli uomini) sarebbe di porvi fine, anzi, di porvi una fine tremenda. Perciò anche i segni che annunciano il Giorno del Giudizio (quando mai, infatti, un'immaginazione eccitata da grandi aspettative si farà mancare segni e prodigi?) sono tutti di natura terrificante. Alcuni li scorgono nel dilagare dell'ingiustizia, nell'oppressione dei poveri a causa della smodata tracotanza dei ricchi e nella generale perdita di lealtà e fiducia; oppure nelle guerre sanguinose che divampano a ogni angolo della terra, e così via: in una parola, nella decadenza morale e nella crescente diffusione di tutti i vizi assieme ai mali che li accompagnano, quali, a detta loro, mai si erano visti nei tempi passati. Altri, invece, li intravedono in mutamenti naturali eccezionali, come nei terremoti, negli uragani e nelle alluvioni, oppure nelle comete e nelle meteore".
Kant, 1794, La fine di tutte le cose.



La terribile freccia del tempo

Eternità e fine del tempo

La fine di tutte le cose

La fine di tutte le cose : moralità e terrore nell'analisi kantiana del sentimento del sublime / Giulia Venturelli

Kant e la fine del mondo

La fine del mondo secondo Kant

  pdf Stampa Indice  
Box Contatti
• Web-Mail
Catalogo Tosca Edizioni

Menu sito
  ► home ::
  ► chi siamo ::
  ► novità ::
  ► autori ::
  ► agenda eventi ::
  ► leggiamo e commentiamo ::
  ► scarica audio ::
  ► scarica video ::
  ► scarica testi ::
  ► 2+1 nessuno, centomila
  ► gallerie immagini ::
  ► link ::
  ► contattaci ::
Radio Tosca ::

Tosca Edizioni pubblicazioni
Cerca nel sito
Info Sito
Utenti online: 2
Visite al sito: 17151
Visite odierne: 79
Record online: 143
(il 5/07/2021 - 18:51)
Traduzione Sito
Translate to English Translate to French Translate to German Translate into Dutch Translate to Swedish Translate to Japanese
Translate in Polish Translate to Danish Translate to Czech Translate to Portuguese Translate to Spanish Translate to Turkish
Up New-CMS 2.1 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Up