Download :: Download testi
Il passaggio del fronte e la resistenza a Cesena e dintorni - Introduzione al volume  
resistenza

Introduzione al volume.


aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa aaaaaaaaaa
Il costo del volume è di 25 euro
E' possibile riceverlo facendone richiesta alla Libreria Bettini di Cesena (0547/21634)
Inserito da tosca
il 10/10/2007 - 12:27

Ultima modifica :
12/03/2010 - 16:52

Dimensioni file : 51.46 KB

Scaricato : 141 volte
Scarica questo file
Share
Pauri (paure) di Maurizio Balestra  

Pauri

(Paure)

di

Maurizio Balestra

Illustrazioni di
Gianluca Umiliacchi



       Quando non c’era la televisione, la sera, per farsi un po’ di compagnia ci si fermava dai vicini a fare quattro chiacchiere seduti davanti al camino… oppure quando si andava a veglia, nelle occasioni speciali, al caldo delle stalle, d’inverno, o al fresco delle aie, d’estate (e allora, oltre alle chiacchiere, si suonava, si ballava… e limitatamente all’affollamento degli spazi, si faceva all’amore)… finiti i pettegolezzi, raccontate le ultime barzellette, esauriti tutti gli argomenti di discussione… veniva il momento delle storie di paura. 

        Non erano né favole né leggende e neppure racconti vaghi, buoni per tutte le occasioni, erano fatti “veri” capitati al vicino, al parente, all’amico… spesso allo stesso soggetto narrante, che toccavano un po’ tutti i campi del misterioso e del paranormale. Ciò che le caratterizzava non erano gli argomenti o la quantità di paura che queste storie erano capaci di suscitare rispetto alle altre, ché anzi, spesso, finivano in risa, ma era un maggior grado di verità. Erano fatti capitati a persone precise, con nomi e cognomi, o comunque accaduti in luoghi precisi dove, chiedendo, se ne sarebbe potuta accertare la veridicità (cosa che si presumeva il narrante avesse già fatto, o che, perlomeno, avesse fatto chi, per primo, aveva raccontato la storia) Essere “vere” era la loro principale caratteristica.
Una “verità” fra virgolette, relativa, non assoluta, come poi abbiamo imparato essere qualsiasi verità. Non erano vere per tutti e probabilmente non lo sono neanche per chi sta leggendo, ma erano vere per chi le raccontava e per chi le ascoltava e questo bastava perché fossero “vere”.

     Pauri raccoglie un piccolo campione cesenate di storie di questo tipo. Un minimo d’impegno avrebbe permesso di trovarne altrettante e ancora di più se se si fosse allargata l’area di indagine (ogni luogo ha le proprie storie), alla fine ci sarebbe mancato lo spazio e non avremmo più saputo dove metterle.
Questa abbondanza dovrebbe far riflettere su quanto vasto e profondo debba essere stato il contesto culturale a cui si riferivano e quanto invece sia ancora debole e precario il mondo costruito sulla moderna “razionalità”.
Queste storie sono gli echi di un mondo che aveva una struttura coerente, una propria realtà. Un mondo antico, a cui la cultura contadina ha attinto per costruire il “suo” mondo, scomparso o in via di estinzione assieme ad essa. Frammenti, apparentemente incoerenti, ma in realtà parti di un tutto unico. Che riflettono un comune modo di pensare che non è più il nostro, quello del mondo in cui noi viviamo, ma è quello dei nostri nonni, dei nostri bisnonni… sempre pronto a riemergere appena si scrosta la vernice (sottile, molto sottile) della razionalità.
    
     Basta un po’ di buio, a cui non siamo più abituati, per farci sentire a disagio. La luce è cosa recente.
    
     Nelle colline attorno a Cesena l’elettricità è arrivata a metà degli anni Sessanta. Chi è nato anche solo dieci anni dopo non può dire di avere avuto una vera esperienza del buio (quello di allora, denso e profondo, molto diverso da quello di oggi), ma chi l’ha avuta (anche solo in maniera parziale), certe cose le può ancora capire…
    
     Io ho vissuto sempre in città, quando sono nato la luce elettrica c’era. Però ricordo ancora la paura di scendere in cantina, dove la luce si accendeva solo dal basso (tenevo il respiro fino a quando, a tentoni, non avevo trovato l’interruttore), era una luce fioca e più che illuminare tendeva a creare delle ombre... luce da spegnere per ritonare di sopra (e di nuovo a tenere il respiro)… e la paura di dormire in un vecchio palazzo, a Bologna (non so più quale) dove vivevano dei miei lontani parenti (non so più chi)… scale nere, con ampie volte, unica luce un lumino, in alto, seminascosto sotto dei fiori finti, in una nicchia dedicata alla Madonna… Ma anche in casa, di notte, mentre si guardava la televisione, bastava aprire lo sportello della stufa (che andava a legna, per questo si doveva scendere in cantina) e la luce delle fiamme, faceva ballare le ombre per tutta la cucina. Più tardi, nel silenzio, si sentivano i rumori… era il tubo della stufa che si raffreddava, ma erano anche gli scricchiolii della credenza, o quelli delle tapparelle (che oggi sono di plastica, ma fino a non molto tempo fa erano di legno) e quando non scricchiolavano, magari era il vento che le sbatteva… Poi il quadro con su la fotografia del bisnonno Lazzaro… ogni volta che sulla via Emilia passava una macchina mandava un riflesso e sembrava che gli occhi gli si illuminassero come quelli dei gatti…

      Nel buio di una volta poteva succedere di tutto e il mondo è stato buio per migliaia e migliaia di anni, molto buio, soprattutto la notte…



Il costo del volume è di 10 euro
E' possibile riceverlo facendone richiesta alla Libreria Bettini di Cesena (0547/21634)
Inserito da tosca
il 13/10/2009 - 15:37

Ultima modifica :
12/03/2010 - 16:57

Dimensioni file : 3.94 MB

Scaricato : 964 volte
Scarica questo file
Share
Giacomo Casanova a Cesena  
Un'avventura Cesenate di Giacomo Casanova.



Giacomo Casanova a Cesena nell'estate del 1749.
di Maurizio Balestra

da Viandanti notturni : tre luoghi e tre misteri di una Cesena arcana.

...Preso da una leggera inquietudine cercò di convincersi che quanto accadeva doveva avere una qualche spiegazione razionale. Certo un “qualche imbroglio” doveva essere nascosto nel meccanismo della porta (ma fatto da chi? e per quale motivo?) e le ombre che sembravano andare venire nel buio della corte potevano benissimo essere un’illusione generata dal movimento dall’aria umida e spessa (ma quelli erano proprio vapori di nebbia?). Spiegazioni che non spiegavano nulla e roso dal dubbio, pensò fosse meglio lasciar perdere ulteriori indagini in proposito. Ormai era andato troppo avanti e sebbene la situazione incominciasse ad inquietarlo, non poteva più tirarsi indietro. I preparativi della cerimonia magica erano a buon punto e così i riti di purificazione messi in atto per giungere senza sospetti a Genoveffa.

"Il mio proposito, del resto, non era di sedurla, giacché la cosa sarebbe andata troppo per le lunghe con una contadina, ma renderla docile e sottomessa…"


 Le sere precedenti, in una vasca da bagno che si era fatto istallare appositamente in anticamera, Giacomo, al fine di purificarli, aveva lavato prima il padre di Genoveffa e poi Capitani. Poi aveva rispettivamente mangiato con ognuno di loro, bevendo esclusivamente sangiovese. Quando era arrivato finalmente il suo momento, Genoveffa non si era tirata indietro e successivamente, a tavola, resa loquace dal vino bevuto, aveva rivelato che le carezze ricevute non le erano per nulla dispiaciute e aveva aggiunto che la notte successiva non avrebbe avuto remore a fare altrettanto a lui...

Il costo del volume è di 10 euro
E' possibile riceverlo facendone richiesta alla Libreria Bettini di Cesena (0547/21634)


Vedi anche: Octave Mannoni/ Sì, lo so, ma comunque
Inserito da tosca
il 1/05/2009 - 08:01

Ultima modifica :
12/03/2010 - 17:00

Dimensioni file : 81.1 KB

Scaricato : 1391 volte
Scarica questo file
Share
Tigre - Introduzione al volume  

Introduzione.


aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
Il costo del volume è di 12 euro
E' possibile riceverlo facendone richiesta alla Libreria Bettini di Cesena (0547/21634)
Inserito da tosca
il 10/10/2007 - 12:23

Ultima modifica :
12/03/2010 - 17:02

Dimensioni file : 75.41 KB

Scaricato : 236 volte
Scarica questo file
Share
Buon Natale  
Buon natale!

formicanina
Inserito da tosca
il 12/12/2007 - 14:16

Ultima modifica :
12/03/2010 - 17:21

Dimensioni file : 5.91 MB

Scaricato : 135 volte
Scarica questo file
Share
Pietro Badoglio, traditore della patria? No traditore dei propri soldati.  
Pietro Badoglio, traditore della patria? No traditore dei propri soldati.

L'accusa, sostenuta da Maurizio balestra ,all'appello del processo Badoglio di San Mauro Pascoli. 28 maggio 2010

Vedi il filmato

Inserito da Maurizio Balestra
il 4/06/2010 - 14:05

Ultima modifica :
4/06/2010 - 13:49

Dimensioni file : 26.28 KB

Scaricato : 99 volte
Scarica questo file
Share
Pietro Badoglio traditore o salvatore della patria?  
Pietro Badoglio traditore o salvatore della patria? / a cura di Maurizio Balestra. - Cesena : Stilgraf, 2010



Pietro Badoglio fu un traditore o un salvatore della patria? Questa la domanda a cui si cerca di rispondere attraverso il "processo" che si è tenuto a San Mauro pascoli il 10 agosto 2009.


Il processo è stato seguito da una nuova seduta di appello che si è tenuto presso la casa Pascoli il 28 maggio 2010 alle ore 21 e si è concluso con una condanna.

Il libro raccoglie l'accusa di Aldo Giovanni Ricci e la difesa sostenuta da Aldo Alessandro Mola, un'intervento a favore di P. Badoglio del nipote Gian Luca Badoglio ed uno contrario di Pietro Vaenti, ex militare in Grecia e poi partigiano.

Vi sono inoltre contenuti: un saggio di inquadramento storico sulla figura di Badoglio di Maurizio Ridolfi ed una ricca appendice fotografica e di ducumenti a cura di Maurizio Balestra

Processo a Badoglio

Processo a Badoglio - L'appello

E' da condannare fu cinico e incapace - E' da assolvere, portò l'Italia dalla parte giusta

Processo a Badoglio - video

Processo d'appello a Badoglio
Inserito da Maurizio Balestra
il 4/06/2010 - 13:33

Ultima modifica :
4/06/2010 - 13:56

Dimensioni file : 370.74 KB

Scaricato : 111 volte
Scarica questo file
Share
Fujon n.0bis aprile 2011  

Finalmente è scaricabile il n. 0 di Fujon

Fuojon: attualità, letteratura, poesia e altro... tutto in dialetto romagnolo

immagines.jpg
Un salut da Cernobìl

Inserito da Maurizio Balestra
il 14/04/2011 - 10:53

Ultima modifica :
14/04/2011 - 10:56

Dimensioni file : 0 KB

Scaricato : 23 volte
Scarica questo file
Share
InizioPrecedente [ 1 2 ] SeguenteFine

Box Contatti
• Web-Mail
Catalogo Tosca Edizioni

Menu sito
  ► home ::
  ► chi siamo ::
  ► novità ::
  ► autori ::
  ► agenda eventi ::
  ► leggiamo e commentiamo ::
  ► scarica audio ::
  ► scarica video ::
  ► scarica testi ::
  ► 2+1 nessuno, centomila
  ► gallerie immagini ::
  ► link ::
  ► contattaci ::
Radio Tosca ::

Tosca Edizioni pubblicazioni
Cerca nel sito
Info Sito
Utenti online: 3
Visite al sito: 1908
Visite odierne: 28
Record online: 108
(il 20/11/2008 - 10:26)
Traduzione Sito
Translate to English Translate to French Translate to German Translate into Dutch Translate to Swedish Translate to Japanese
Translate in Polish Translate to Danish Translate to Czech Translate to Portuguese Translate to Spanish Translate to Turkish
Up New-CMS 2.1 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Up